Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica: Diritto di replica

Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica: Diritto di replica

12063591 1441537519274035 241964605629727091 n
La Commissione Sanità mentre esulta sulla stampa, conferma i tagli agli ospedali periferici

E’ grave che l’emendamento ieri sottoscritto dalla Commissione Sanità, con cui si confermano i tagli temuti, venga spacciato come una conquista per i territori disagiati.

La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica, denuncia l’irresponsabilità della Commissione Sanità, che all’unanimità promuove un emendamento di sintesi ingannevole e irrispettoso dei bisogni dei territori.

Denuncia l’arroganza trasversale della Commissione Sanità nell’ignorare le richieste di audizione presentate dalla Rete dei comitati, sottraendosi ad un confronto leale e costruttivo.

E’ palese che la Commissione Sanità con tutte le parti politiche si è allineata alle scelte scellerate della Giunta sottoscrivendo i tagli sulle U.O. di Chirurgia Generale degli ospedali di Bosa, Isili, La Maddalena, Muravera e Sorgono.

Di fatto confermano i tagli della chirurgia H24, indispensabile per garantire anche le urgenze, sostituendola con una chirurgia programmata, a bassa intensità di cure. “Una chirurgia elettiva ridotta che effettua interventi in day-surgery e/o in week-surgery con attività non prettamente di urgenza” dicono, senza neppure chiedersi chi farà le guardie chirurgiche e ancor meno che fine faranno i pazienti complessi operati. Eppure si sa che la complicanza in chirurgia è sempre dietro l’angolo e solo l’assistenza attenta evita tragedie.

Parlano di “Pronto Soccorso integrato alla struttura complessa del DEA di riferimento che garantisce il servizio e l’aggiornamento relativo”, senza spiegare che il Dea (Dipartimento d’Emergenza ad Alta Specialità) è presente solo in ospedali di livello superiore, per cui il Dea di riferimento di cui parlano, è in altra sede spesso molto distante e di difficile raggiungimento.

L’emendamento non cita altri servizi strategici irrinunciabili come ad esempio: punti nascita, cardiologia etc. intanto prevede lo smantellamento dei laboratori d’analisi.

La Commissione Sanità arriva a stravolgere la Giurisprudenza per ingannare le collettività sarde in lotta per la difesa degli ospedali dei territori disagiati. E’ paradossale che l’emendamento ingannevole e fuorviante sia stato tratto integralmente dal DM del 2 aprile 2015 n. 70. Quindi estrapolato anche da una pessima legge e presentato come la panacea per i mali della Sanità nei territori disagiati.
E’ una beffa culturale prima che politica che questi consiglieri di tutte parti politiche presenti in Commissione, non sappiano che la funzione di un emendamento è teso a migliorare una Legge e non il contrario.

Annunciamo il proseguimento delle lotte.

Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica – Portavoce Claudia Zuncheddu

 

rassegna stampa

Il Manifesto Sardo: La Commissione Sanità mentre esulta sulla stampa, conferma i tagli agli ospedali periferici 22-7-17

Mentre nel PD continuano le lotte intestine per il potere prosegue nella maggioranza il feroce progetto di tagli ai servizi per la popolazione mascherati da emendamenti falsamente correttivi.

Unione sarda 22-7-17

us22-7
MALESSERE. Lo scontro c’è anche sulla nuova geografia degli ospedali ma coinvolge soprattutto sindaci e comitati.
Claudia Zuncheddu, portavoce della Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica, va all’attacco sull’accordo che salva gli ospedali di zona disagiata. «È palese che la commissione Sanità si è allineata alle scelte scellerate della Giunta sottoscrivendo i tagli sulle Unità ospedaliere di chirurgia generale degli ospedali di Bosa, Isili, La Maddalena, Muravera e Sorgono».
Secondo Claudia Zuncheddu vengono «confermati
i tagli della chirurgia h24, indispensabile per garantire anche le urgenze, sostituendola con quella programmata a bassa intensità di cure».
Per quanto riguarda il Pronto soccorso, l’emendamento prevede che sia integrato alla struttura complessa di riferimento ma «non
spiegano che il Dea di alta specialità è presente in ospedali di livello superiore. Dunque spesso distanti e difficili da raggiungere». Infine, la portavoce lamenta il fatto che non si fa riferimento ad «altri servizi strategici come punti nascita e cardiologia ma prevede lo smantellamento dei laboratori di analisi»

Commenti (2)
  • Giuseppino Granara  - Riflessione nel voto. chi votare ???
    Questi consiglieri Regionali effettivamente non sanno che gli emendamenti servono per migliorare le proposte che vengono avanzate da qualunque gruppo . No si va' avanti come asini (senza offendere gli ASINI . Stanno portando la gente a non andare a votare IO andro' sempre a votare. Questo e' un gioco di destra informare le persone di quello che hanno fatto questa giunta regionale.
  • alberto
    sulla farsa degli emendamenti correttivi che avrebbero dovuto accogliere le istanze della protesta popolare non si sente alcuna voce fuori dal coro nel ventaglio della giunta, della commissione e del governo regionale intero.
    Tutti felici di aver trovato la quadra per imbrogliarci meglio.
    E' proprio vero che la vera opposizione politica sei tu Claudia Zuncheddu insieme ai movimenti che nascono nei territori a differenza dei partiti calati dall'alto per controllarci meglio.
    Grazie per il tuo immenso lavoro
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • alberto. al lupo al ... ha scritto Leggi tutto
    Il terrorismo non deve mai ... 18 days ago
  • Maria ha scritto Leggi tutto
    Condivido il pensiero della... 18 days ago
  • alberto ha scritto Leggi tutto
    sulla farsa degli emendamen... 26 days ago
  • Giuseppino Granara ha scritto Leggi tutto
    Questi consiglieri Regional... 27 days ago
  • marina ha scritto Leggi tutto
    e bisognerebbe fare qualcos... 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: