Sit-in della Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica in occasione della discussione in Aula del Piano di riordino della rete ospedaliera

Sit-in della Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica in occasione della discussione in Aula del Piano di riordino della rete ospedaliera

 22052759 10211035083057702 238348168 n
 
La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica indice per martedì 26 ore 9.30 un sit-in sotto il palazzo del Consiglio Regionale in occasione della discussione in Aula del Piano di riordino della rete ospedaliera sarda. Piano che mira al declassamento degli ospedali pubblici e alla chiusura di interi servizi sanitari dai territori più disagiati alle città.
 
La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica, fa un appello ai consiglieri regionali di tutti gli schieramenti che hanno garantito il proprio impegno teso ad impedire che si abbattano sugli ospedali pubblici dei sardi ulteriori tagli in nome di strane razionalizzazioni e di buchi di bilancio, ad abbandonare l’Aula al momento del voto per esprimere il proprio dissenso su questa controriforma.
 
Ciò consentirebbe di superare la prassi dei “muretti a secco”, con la possibile richiesta del voto segreto dietro cui nascondere l’espressione delle proprie scelte in modo tale che nessuno sia responsabile di niente.
 
La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica, da tempo impegnata contro i tagli ai diritti dei sardi all’assistenza sanitaria di qualità e gratuita per tutti, in difesa quindi del Sistema sanitario pubblico e dei suoi ospedali, chiede che la classe politica sarda si assuma le proprie responsabilità in modo palese ed inequivocabile.
 
Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica
 
 
Unione Sarda 26-9-17: 
consiglio rete
 
 
 
Ansa-Sardegna: Rete ospedaliera:ddl in Aula,fuori sit in

"Nonostante il dialogo con i territori l'assessore alla Sanità ha assicurato che il piano da loro concepito non sarà scombussolato - spiega la portavoce della Rete, Claudia Zuncheddu - pensiamo che in questo modo si miri solo a garantire piccoli contentini un po' qui e un po' la' per rompere l'unità del grande fronte dei territori. Ma ciò che conta sono le lamentele dei cittadini che non hanno più riferimenti sanitari".

La Rete fa anche un appello ai consiglieri regionali di tutti gli schieramenti che hanno garantito il proprio impegno contro la riforma ad abbandonare l'Aula al momento del voto, per esprimere il proprio dissenso su questa "controriforma".

"Ciò consentirebbe di superare la prassi dei 'muretti a secco', con la possibile richiesta del voto segreto dietro cui nascondere l'espressione delle proprie scelte in modo tale che nessuno sia responsabile di niente", spiega Zuncheddu.

Unione Sarda: Rete ospedaliera in Consiglio regionale: opposizione all'attacco 

Intanto sotto il Consiglio regionale, la Rete sarda in difesa della Sanità pubblica ha manifestato contro la riforma in discussione.

L'appello degli esponenti del movimento è rivolto ai consiglieri regionali affinché fermino l'iter della riorganizzazione della rete ospedaliera.

SardiniaPost: Rete ospedaliera, dibattito al via in Consiglio e proteste fuori dal palazzo

Nonostante il dialogo con i territori l’assessore alla Sanità ha assicurato che il piano da loro concepito non sarà scombussolato – spiega la portavoce della Rete, Claudia Zuncheddu -. Pensiamo che in questo modo si miri solo a garantire piccoli contentini un po’ qui e un po’ la’ per rompere l’unità del grande fronte dei territori. Ma ciò che conta sono le lamentele dei cittadini che non hanno più riferimenti sanitari”.

La Rete fa anche un appello ai consiglieri regionali di tutti gli schieramenti che hanno garantito il proprio impegno contro la riforma ad abbandonare l’Aula al momento del voto, per esprimere il proprio dissenso su questa “controriforma. Ciò consentirebbe – prosegue la Zuncheddu – di superare la prassi dei muretti a secco, con la possibile richiesta del voto segreto dietro cui nascondere l’espressione delle proprie scelte in modo tale che nessuno sia responsabile di niente”.

CastedduOnline: Riforma sanità sarda, la posizione di Claudia Zuncheddu (Sardigna Libera)

Rete ospedaliera: ddl in Aula. Sotto Consiglio regionale manifestazione Rete Sanità

La riforma della rete ospedaliera approda in Consiglio regionale fra le proteste. Sotto il palazzo di via Roma a Cagliari la Rete sarda Difesa Sanità pubblica chiede lo stop del passaggio in Aula del ddl, mentre – sempre in via Roma – il Consiglio comunale di Carbonia si è riunito in seduta straordinaria. “Nonostante il dialogo con i territori l’assessore alla Sanità ha assicurato che il piano da loro concepito non sarà scombussolato – spiega la portavoce della Rete, Claudia Zuncheddu – pensiamo che in questo modo si miri solo a garantire piccoli contentini un po’ qui e un po’ la’ per rompere l’unità del grande fronte dei territori. Ma ciò che conta sono le lamentele dei cittadini che non hanno più riferimenti sanitari”.La Rete fa anche un appello ai consiglieri regionali di tutti gli schieramenti che hanno garantito il proprio impegno contro la riforma ad abbandonare l’Aula al momento del voto, per esprimere il proprio dissenso su questa “controriforma”.

SardaNews: Rete ospedaliera:ddl in Aula,fuori sit in (fonteAnsa)

Unione Sarda 27-9-2017

sirin26-9rete

 

 

 

 
Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    Mettete molta Attenzione!At... 9 days ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    PARIS ! SARDIGNA ! PARIS!!!... 9 days ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    QUANTO SOTTO ESPRESSO PRIMA... 9 days ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissime frasi ,sono d'ac... 1 month ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissimo ,sono d'accordo 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: