Perchè la RAS non applica la Legge Regionale 7/2011 sui diritti dei detenuti?

Perchè la RAS non applica la Legge Regionale 7/2011 sui diritti dei detenuti?

Consiglio regionale della Sardegna
XIV Legislatura

Interrogazione Zuncheddu con richiesta di risposta scritta sulla mancata applicazione della L.R. 07/02/2011, n.7 sull’istituzione della figura del garante regionale dei diritti dei detenuti, denominata: “Sistema integrato di interventi a favore dei soggetti sottoposti a provvedimenti dell’Autorità giudiziaria e istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale”.
Premesso che
- Con questa Legge (nata dalla Proposta di Legge della consigliera Claudia Zuncheddu e quella della Commissione consiliare per i Diritti Civili) la Sardegna si è dotata di un importante strumento di civiltà, per la promozione dei diritti umani, a partire dall’Art. 1 che tende a "concorre a tutelare e assicurare il rispetto dei diritti e della dignità delle persone adulte e dei minori presenti negli istituti penitenziari o ammessi a misure alternative e sostitutive della detenzione, negli ospedali psichiatrici giudiziari, nei centri di identificazione ed espulsione e nelle strutture sanitarie in quanto sottoposti a trattamento sanitario obbligatorio, a favorire la loro rieducazione, a ridurre il rischio di recidiva e ad agevolare il loro reinserimento sociale e lavorativo". La Regione, inoltre, "esercita le necessarie funzioni di indirizzo e coordinamento con le ASL, gli enti locali territorialmente competenti, gli organismi di volontariato e gli altri soggetti pubblici e privati interessati alle politiche di inclusione e di reinserimento sociale a favore dei detenuti, dei soggetti a misure alternative e sostitutive alla detenzione e degli ex detenuti, al fine di garantire un sistema regionale integrato di interventi".;
- La Legge inoltre tutela i detenuti più esposti a rischio di discriminazione e di ingiustizia all’interno degli istituti carcerari come i minori, le donne e i cittadini stranieri, garantendo i diritti inalienabili alla salute, all’istruzione e quindi un percorso di reinserimento lavorativo e sociale;
- Visto l’aggravarsi in questi ultimi tempi delle condizioni di vita e di disagio all’interno degli istituti di pena in Sardegna e in particolar modo nella casa circondariale di Buoncammino; coinvolgendo detenuti e tutto il personale penitenziario, da tempo numericamente inadeguato e costretto a pesanti condizioni di lavoro,
Si interroga il Presidente della Regione e tutti gli Assessorati competenti per sapere
1) Quali siano le condizioni che sino ad oggi hanno impedito l’applicazione della Legge della RAS e quindi l’insediamento della figura del Garante dei detenuti, come strumento non solo di tutela dei diritti di chi non gode momentaneamente della libertà personale, ma anche come elemento di equilibrio delle dinamiche interne alle carceri;
2) Se intendono rimuovere tutti gli ostacoli sia di natura burocratica che di remore politiche che sino ad oggi non hanno permesso l’applicazione di una Legge della Regione, delegittimando con ciò il ruolo legislativo della stessa Assemblea della RAS.  
Cagliari 31/05/2013
Claudia Zuncheddu

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • marina ha scritto Leggi tutto
    e bisognerebbe fare qualcos... 15 days ago
  • Rosi ha scritto Leggi tutto
    Oggi vediamo che il braccio... 21 days ago
  • franco giuseppe ha scritto Leggi tutto
    tic tac del ministro lo fa ... 22 days ago
  • Bruno Bersano ha scritto Leggi tutto
    E se la si mandasse ai prin... 22 days ago
  • mikkelj tzoroddu ha scritto Leggi tutto
    Mi sono così, già espresso ... 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: