la beffa annunciata della Legge Elettorale sarda che discrimina la società sarda

la beffa annunciata della Legge Elettorale sarda che discrimina la società sarda

E’ sconcertante che la Legge Elettorale sarda sia stata impugnata dal Governo italiano solo sul terzo comma dell’art. 22, che vieta la ricandidatura immediata del presidente della RAS dimissionario prima della fine della legislatura e non sulla violazione dell’Art. 3 e 51 della Costituzione italiana che contempla “l’uguaglianza di tutti i cittadini” e la “piena accessibilità di ogni cittadino alle cariche elettive”.

Denunciamo il sovvertimento delle regole democratiche da parte del Governo italiano e auspichiamo che in Sardegna prevalga il buonsenso e che il Consiglio della Regione Autonoma vari urgentemente una nuova Legge Elettorale sarda equa e che non discrimini ed escluda paradossalmente i sardi.

Su questa ennesima vergogna, non abbasseremo la guardia né dentro né fuori le istituzioni democratiche.

Claudia Zuncheddu

SardignaLibera

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • marina ha scritto Leggi tutto
    e bisognerebbe fare qualcos... 15 days ago
  • Rosi ha scritto Leggi tutto
    Oggi vediamo che il braccio... 21 days ago
  • franco giuseppe ha scritto Leggi tutto
    tic tac del ministro lo fa ... 22 days ago
  • Bruno Bersano ha scritto Leggi tutto
    E se la si mandasse ai prin... 22 days ago
  • mikkelj tzoroddu ha scritto Leggi tutto
    Mi sono così, già espresso ... 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: