incendi in Sardegna: cronaca di un disastro annunciato

incendi in Sardegna: cronaca di un disastro annunciato

Non è più credibile che la causa degli incendi in Sardegna sia da ricercare solo negli eventi naturali propri della stagione come le alte temperature e il soffiare dei venti. Non è più credibile che la causa di questi disastri sia da ricercar solamente nell’azione criminale di uomini singoli o ispirati da mandanti. Nei decenni passati, prima si incendiavano i territori e poi si costruiva soprattutto lungo le coste. Riteniamo che le cause di questi incendi, che hanno devastato il territorio e esposto le popolazioni ad alto rischio di vita, siano da ricercarsi nell’ ”irresponsabilità” dello Stato italiano che prima promette e poi non mantiene (vedi la querelle dei Canadair e la disorganizzazione della Protezione Civile preposta all’antincendio).

Non è credibile l’alibi dei Governi italiani che non avrebbero le risorse finanziarie per tutelare la Sardegna dalla devastazione degli incendi, quando queste sono disponibili e consistenti per sperperi di guerra, come l’acquisto degli F35: i noti aerei che non volano. La stessa “irresponsabilità” va ricercata in quelle politiche della RAS che in questi anni hanno permesso e agevolato lo spopolamento del territorio e il conseguente abbandono delle attività agricole e pastorali: fenomeni che sono alla base della desertificazione dei luoghi.

Le stesse politiche “irresponsabili e miopi” hanno distrutto i presidi del volontariato locali che operano in prima linea nel controllo e nella salvaguardia del territorio. Ne è esempio il taglio dei finanziamenti ai comuni e il caso scandaloso delle Compagnie barracellari, snobbate e abbandonate dalla RAS e lasciate senza fondi, senza i mezzi necessari, privandole delle dotazioni essenziali di sicurezza e addirittura delle stesse visite mediche, per l’idoneità al servizio.

Ancor meno i sardi possono accettare il “balletto” di responsabilità fra RAS e Governi italiani che si accusano a vicenda della mancanza di coordinamento dei piani e delle competenze di intervento nelle zone colpite dagli incendi. Non è più tempo di viaggi a Roma con il capello in mano e di piangere sul latte versato, quando la nostra Isola va in fiamme. E’ tempo che la RAS eserciti la propria Sovranità governando in prima persona questa piaga che può essere sconfitta e che non da oggi distrugge i nostri territori e le nostre economie.

Claudia Zuncheddu

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    Mettete molta Attenzione!At... 1 month ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    PARIS ! SARDIGNA ! PARIS!!!... 1 month ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    QUANTO SOTTO ESPRESSO PRIMA... 1 month ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissime frasi ,sono d'ac... 2 months ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissimo ,sono d'accordo 2 months ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: