Progetto Ritornare a casa: demagogica la risposta dell'Assessora.

Progetto Ritornare a casa: demagogica la risposta dell'Assessora.

De Francisci: “Abbiamo stanziato 20 milioni”…Peccato il divieto d’accesso!
L’interpellanza riguarda le difficoltà di accesso al progetto da parte dei più bisognosi. L’Assessora risponda subito sui criteri cinici delle nuove linee guida, ideati per escludere i soggetti beneficiari più bisognosi.

COMUNICATO STAMPA

“Ritornare a casa", Zuncheddu: «De Francisci diserta l'Aula,
a rischio i beneficiari del Programma»

Cagliari, 1° ottobre 2013 – «Ancora una volta l’Assessora De Francisci sceglie di non rispondere, disertando l’odierna seduta del Consiglio regionale e lasciando di fatto irrisolta una grave questione che affligge i sardi in difficoltà, quelli non autosufficienti e con gravi patologie degenerative». Lo ha affermato la consigliera regionale indipendentista di SardignaLibera , Claudia Zuncheddu, commentando l’assenza dell’Assessore regionale alla Sanità Simona De Francisci in Consiglio regionale.
In Aula si sarebbe infatti dovuta discutere l’interpellanza, presentata dalla stessa Zuncheddu, sul programma regionale “Ritornare a casa”.
 «Il programma “Ritornare a casa” – afferma Zuncheddu – si rivolge ai soggetti con deterioramento cognitivo, gravi patologie degenerative o nella fase terminale della loro vita e consente di elaborare un piano personalizzato per la domiciliarizzazione dell’assistenza.
Il piano deve essere elaborato dalla ASL in collaborazione con il medico di famiglia e uno specialista liberamente scelto dal paziente che attesti, attraverso il punteggio CDRs, il grado di severità della malattia».
«Fino al 2008 – spiega Zuncheddu – si poteva accedere al programma con un punteggio CDRs almeno pari a 3. Dal 2009 tale punteggio è salito a 5 e, a partire da quest’anno, l’accesso è diventato ancora più restrittivo, dato che le nuove linee guida dell’Assessorato impongono che i punteggi vengano assegnati “da uno specialista di struttura pubblica o convenzionata”».
«Questo “escamotage” – continua Zuncheddu – comporterà l’esclusione di centinaia di aventi diritto non per mancanza dei requisiti richiesti, ma a causa delle lunghe liste d’attesa della sanità pubblica. Per fare qualche esempio, nel solo distretto di Alghero l'unità di valutazione Alzheimer o il sevizio specialistico ambulatoriale non sono in grado di evadere le numerose richieste di visita neurologica entro i tempi previsti dal programma. Tutto questo a causa di liste d'attesa che possono raggiungere anche i sei - otto mesi».
 «In assessorato conoscono perfettamente il problema delle lunghe liste d’attesa: per questo le nuove linee guida sembrano essere subdolamente finalizzate all'esclusione, piuttosto che alla inclusione, dei soggetti beneficiari. Al danno si aggiunge poi anche la beffa: i medici che operano come specialisti convenzionati per la ASL non possono rilasciare le certificazioni se non al di fuori dell'orario di servizio, in regime libero-professionale, e quindi dietro pagamento».
 «Se questa mattina l’Assessora De Francisci fosse stata presente in Aula – conclude Zuncheddu – le avremmo certamente chiesto di tornare sui suoi passi e di procedere ad una rivisitazione delle linee guida, ripristinando lo status quo ante: si tratta di garantire il diritto alla salute dei soggetti più fragili. Un diritto che non può essere calpestato dalla burocrazia regionale».

LA REPLICA DELL'ASSESSORA

L'assessore ha risposto che «l'assenza era dovuta all'impegno a Roma al ministero della Salute». Poi, ha aggiunto: «Abbiamo messo in pagamento 19 milioni di euro su 20 stanziati solo sulla quota regionale» (Fonte: L'Unione Sarda - 2/10/2013).

Probabilmente l'assessora De Francisci dimentica che le questioni sollevate nell'interpellanza non riguardano affatto l'ammontare degli stanziamenti del programma, ma bensì l'irragionevole modifica alle linee guida (voluta dal suo Ufficio) le quali impongono che i punteggi vengano assegnati “da uno specialista di struttura pubblica o convenzionata". Tale disposizione di fatto pregiudica la possibilità per le componenti più fragili della nostra società di accedere ai finanziamenti.

 RASSEGNA STAMPA

Scontro sulla sanità sarda: Claudia Zuncheddu attacca la De Francisci
Casteddu Online (01/10/2013)

“Ignora i malati non autosufficienti”, Zuncheddu contro De Francisci
SardiniaPost (01/10/2013)

Progetto 'Ritornare a casa'. Claudia Zuncheddu: "De Francisci torni sui suoi passi"
CagliariPad (01/10/2013)

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • mikkelj tzoroddu ha scritto Leggi tutto
    Cara Claudia,
    posso d... 20 days ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    Mettete molta Attenzione!At... 2 months ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    PARIS ! SARDIGNA ! PARIS!!!... 2 months ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    QUANTO SOTTO ESPRESSO PRIMA... 2 months ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissime frasi ,sono d'ac... 2 months ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: