Galsi, un regalo da 150 milioni mentre crescono le povertà estreme

Galsi, un regalo da 150 milioni mentre crescono le povertà estreme

(AGENPARL) - Cagliari, 25 ott  – «Con l'articolo 4, primo comma, della finanziaria regionale del 2012, 150 milioni di euro sono stati stanziati a favore della società privata Galsi per pagare una servitù di passaggio che non porterà affatto il metano in Sardegna: nessun finanziamento è previsto per le reti del gas nell’Isola e nessuna compensazione è prevista per i sardi». Lo ha affermato la consigliera regionale di SardignaLibera, Claudia Zuncheddu, depositando un’interrogazione in materia.
«L'Algeria – spiega Zuncheddu – non ha onorato gli accordi internazionali sulla vendita del gas metano ai cosiddetti prezzi di mercato e, per sua stessa ammissione, già due anni fa dichiarò che difficilmente avrebbe garantito erogazione futura, in quanto il gas è ritenuto risorsa strategica per lo sviluppo stesso dell'Algeria. Inoltre, come risorsa concorrenziale, sarebbe limitata a qualche decennio».
«A tutt'oggi – continua Zuncheddu – nonostante si tenti di spacciare quel progetto mai decollato come "un’opera divenuta d'interesse europeo", anche in caso di realizzazione, sarebbe comunque destinato a non essere utilizzato a causa della concorrenza dei gasdotti europei, già esistenti e potenziati, legati ai capitali della Gazprom, il colosso russo che risulta essere azionista anche del GALSI».
«Vista l'instabilità geopolitica degli stati del nord Africa attraversati dai gasdotti, che purtroppo è destinata ad aumentare creando anche in Europa delle possibili situazioni di pericolo, queste opere, per natura estremamente vulnerabili, potrebbero costituire obiettivi sensibili per il terrorismo internazionale, come purtroppo è già avvenuto altrove».
«Il Presidente Cappellacci si prodighi per recuperare i crediti come i 100 milioni dei sardi ancora in mano, inspiegabilmente, alla cricca del G8, e svincoli i 150 milioni destinati al progetto Galsi. Dato l’aumento vertiginoso delle povertà estreme – conclude Zuncheddu – piuttosto che finanziare progetti morti e pericolosi per i sardi, è bene che questi soldi vengano utilizzati per realizzare una Sardegna più equa e solidale: abbiamo cittadini non autosufficienti in stato di abbandono, i figli della crisi che non trovano lavoro e non possono permettersi gli studi, gli inoccupati che rinunciano alle cure a causa dei costi dei ticket della sanità. Il Presidente ha solo l’imbarazzo della scelta».

Fonte: AgenParl - Agenzia di stampa parlamentare

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • alberto. al lupo al ... ha scritto Leggi tutto
    Il terrorismo non deve mai ... 22 days ago
  • Maria ha scritto Leggi tutto
    Condivido il pensiero della... 22 days ago
  • alberto ha scritto Leggi tutto
    sulla farsa degli emendamen... 1 month ago
  • Giuseppino Granara ha scritto Leggi tutto
    Questi consiglieri Regional... 1 month ago
  • marina ha scritto Leggi tutto
    e bisognerebbe fare qualcos... 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: