La RAS non si è mai costituita parte civile nel processo per la “marea nera” a carico di E.On

La RAS non si è mai costituita parte civile nel processo per la “marea nera” a carico di E.On

Apprendiamo con sorpresa dalla stampa la posizione dell’Assessore regionale all’Industria Liori sulla “necessità che E.On paghi i danni ambientali che ha creato al territorio”. Non abbiamo dubbi sulle buone intenzioni dell’Assessore: dispiace tuttavia informarlo che, ad oggi, non ci risulta che il suo collega di Giunta, il Presidente Cappellacci, si sia dimenato per costituirsi parte civile nel procedimento giudiziario a carico di E.On per il disastro ambientale del 2011, quando 36mila litri di olio combustibile fuoriuscirono da un foro nell'oleodotto che collega la centrale di Fiume Santo alla banchina sul mare dell’Asinara e invasero le acque di uno dei golfi più belli del Mediterraneo.

Al processo si sono costituiti tutti: dalle associazioni ambientaliste (Gruppo di intervento giuridico, Anpana, WWF) alle istituzioni locali (Provincia di Sassari, Comuni limitrofi ed Ente Parco dell’Asinara). Manca solo la Regione Sardegna. A rendere ancora più imbarazzante la posizione del Presidente, che evidentemente parla poco con i suoi Assessori, è che poco meno di un mese fa, con l’approvazione della mozione n. 281 in Consiglio regionale, l’Assessore all’Ambiente Biancareddu si impegnava formalmente di fronte all’Aula e ai sardi ad attivarsi per costituirsi parte civile in tutti i processi celebrati nell’Isola per disastri ambientali.

Stupisce quindi questa “svolta ambientalista” di una parte dei componenti della Giunta: personalmente inviterei gli Assessori Liori e Biancareddu a chiarirsi col Presidente Cappellacci per capire quali siano state le cause che abbiano impedito la costituzione di Parte Civile della RAS, dato che il termine ultimo per farlo era il 12 novembre scorso. Sembra quasi che lo sport preferito dal Presidente sia quello di arrivare tardi ai processi per la difesa degli interessi dei sardi (così avvenne per il caso del Poligono di Quirra, quando la costituzione di parte civile della RAS fu rigettata dal Tribunale perché “pervenuta in ritardo”).

Intanto insieme ai colleghi Sechi e Cocco di SEL ho depositato stamattina una interpellanza per chiedere formalmente al Presidente di riferire sul caso. Non dimentichiamo poi il processo per le mancate bonifiche a La Maddalena e i 100 milioni di fondi FAS scippati alle casse della Regione Sardegna e finiti nelle tasche della cricca del G8 : è possibile firmare la petizione cliccando qui.

RASSEGNA STAMPA

La Nuova Sardegna - 30/11/2013

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • mikkelj tzoroddu ha scritto Leggi tutto
    Mi sono così, già espresso ... 14 days ago
  • Rosi ha scritto Leggi tutto
    Concordo con quanto scrivi ... 16 days ago
  • Antonella ha scritto Leggi tutto
    tutto perfetto,da non togli... 20 days ago
  • Cristina ha scritto Leggi tutto
    Condivido questo tuo scritt... 22 days ago
  • Anonimo ha scritto Leggi tutto
    Non c'è una virgola da aggi... 22 days ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: