ClaudiaZuncheddu.net

Sugli arresti in Catalogna. Non si possono arrestare le idee

22491826 10212525425443547 5363770820714191145 n

Ieri in Catalogna sono stati arrestati due leader di movimenti civili che hanno concorso ad organizzare il referendum consultivo del 1 di ottobre per l’Indipendenza.

Nei giorni scorsi il capo della polizia catalana è stato prima arrestato e successivamente rimesso in libertà vigilata per non aver dato l’ordine ai mossos perché si impedisse lo svolgimento del referendum.

ll comportamento di Rajoy, del re Felipe VI e della maggioranza di centro destra che li sostiene è il legittimo erede della repressione e della violenza della guardia Civil  franchista.

Siamo solidali con il popolo catalano, con il suo Governo e con i movimenti indipendentisti della Catalogna e chiediamo che le istituzioni sarde, dal Presidente della Giunta e del Consiglio della Regione Autonoma della Sardegna, a tutte le forze politiche rappresentate nella Massima Assemblea dei sardi, che si esprimano pubblicamente manifestando la solidarietà ai catalani e lo sdegno per i gravi atti repressivi attuati dal governo Rajoy.

SardignaLibera

Commissione Sanità. Dai tagli in Sanità alla compravendita degli ospedali

 

Cattura
Articolo di Claudia Zuncheddu pobblicato da "Il Manifesto Sardo" numero 247  il 16-10-2017
 
Mentre cresce la confusione nella Sanità sarda, con cittadini disorientati e gli ospedali dei territori disagiati sempre più svuotati di servizi indispensabili e spesso avviati alla chiusura, i presidi ospedalieri di Cagliari non godono certo di buona salute. Le lobby della speculazione edilizia scalciano e muovono le proprie pedine.
 
Il Piano di riordino della rete ospedaliera sarda, al centro del dibattito in Aula, passerà presto al voto. Tra i numerosi emendamenti inutili, si nasconde l’insidioso 779 del doc. n° 16 che la dice lunga sullo smantellamento dei nostri ospedali prestigiosi, dal Binaghi al Marino, che hanno la colpa di essere troppo ben posizionati nel cuore della città, tra verde e mare, per essere a disposizione della salute pubblica.
 
E’ gravissimo che la Commissione Sanità si preoccupi di cambi di destinazione d’uso di strutture ospedaliere in fase di smantellamento. Lo dice a chiare lettere il pericolosissimo emendamento firmato da otto consiglieri regionali di cui 4 del PD, 1 del Partito dei Sardi, 1 dei Comunisti italiani, 1 di Art. 1 - Sinistra per la Democrazia ed il progresso.
 
*Gli 8 consiglieri facenti parte della Commissione Sanità chiedono con l’emendamento aggiuntivo che: *
 
 *…all’ultimo punto del paragrafo, dopo le parole “…Binaghi di Cagliari” è aggiunto il seguente periodo: Per questi stabilimenti come per l’ospedale Marino di Cagliari, la possibile destinazione extrasanitaria verrà stabilita d’intesa con la Città Metropolitana di Cagliari.   *
 
E’ inammissibile che la Commissione Sanità con la connivenza della Città Metropolitana di Cagliari, in modo spregiudicato si occupi di destinazione d’uso degli immobili di pregio (ex ospedali) ed i consiglieri regionali, si improvvisino agenti immobiliari, come se la Sanità pubblica fosse già roba del passato.
 
Questa nefandezza, spiega il dramma dei nostri ospedali, dal Marino al Binaghi, che in fretta e furia devono essere liberati. Al Binaghi, il reparto di oculistica con le sue sale operatorie ha chiuso. Oculisti in tutta fretta con in valigia liste d’attesa e terapie in corso dei pazienti seguiti, vengono deportati al Brotzu.
  
Ma di fronte alla prima emergenza oculistica, per l’insufficienza delle sale operatorie al Brotzu, ferristi ed oculisti, tornano in gran fretta verso le sale operatorie del Binaghi per essere riaperte per il caso.
 
Tutto bene, ma è sempre il personale medico ed infermieristico a pensare al paziente e non farsi travolgere dal caos creato da una organizzazione inesistente e non in grado né di prevedere né di prevenire le criticità.
 
Mentre la Commissione Sanità si occupa di mercato immobiliare e di cessione dei nostri ospedali alle lobby dell’edilizia, la riabilitazione cardio-respiratoria e la pneumologia territoriale del Binaghi, che fanno parte di un progetto ormai cancellato, sovraccaricano gli ambulatori di pneumologia del Santissima Trinità ormai al collasso, ubicati in una struttura obsoleta e con una carenza di personale ormai quasi al limite della legalità. In tre anni 7 pensionamenti con blocco del turnover.
 
Claudia Zuncheddu *portavoce* Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica
 
Unione Sarda 17-10-17: Claudia Zuncheddu, portavoce della Rete sarda a difesa
della sanità pubblica, muove accuse pesanti nei confronti del centrosinistra. Il riferimento è a un emendamento che «potrebbe
cambiare la destinazione d’uso di strutture ospedaliere in fase di
smantellamento», dice Zuncheddu, riferendosi soprattutto a presìdi come «il Binaghi o il Marino di Cagliari»
 
usvendesi

La sanità in Sardegna sulla via della privatizzazione

riprendiamoci la Sardegna

RIPRENDIAMOCI LA SARDEGNA

Presso la "Sala degli Specchi " Facoltà di Lettere (entrata da via Trentino), sarà ospite Claudia Zuncheddu, Segretario del movimento politico indipendentista Sardigna Libera.
Il tema della serata sarà: “La sanità in Sardegna sulla via della privatizzazione”.
 

Oggi il dottor Che Guevara, avrebbe sostenuto le lotte dei sardi per la Sanità pubblica

201205313-61125f30-a133-4bf5-9491-02218056e56c

 

Il 9 ottobre di 50 anni fa a La Higuera, un paesino nel sud della Bolivia, tra Sucre e Santa Cruz, Che Guevara veniva assassinato dai militari del governo golpista boliviano coordinati dalla Cia.

Il leader rivoluzionario venne ferito durante un conflitto a fuoco, fatto prigioniero dalle forze governative antiguerriglia, fu assassinato ed il suo corpo mutilato con l’amputazione delle mani per ordine dei golpisti e della Cia. 

Ernesto Che Guevara, chiamato in tutta l’America latina il Che per il suo intercalare tipico degli argentini, fu insieme a Fidel Castro uno dei leader più prestigiosi e carismatici della rivoluzione cubana.

Fu promotore dell’accesso universale alla Scuola e alla Sanità pubblica per il popolo cubano, fino ad allora escluso. Nonostante mezzo secolo di embargo da parte degli Stati Uniti d’America, la Sanità e la Scuola pubblica cubana, ancora oggi si annoverano tra i più alti livelli al mondo.  

Fu un combattente per la libertà dei popoli oppressi, anti-colonialista ed anti-capitalista, sostenne il nascente stato Algerino, contro l’invasione del Marocco ispirata dai francesi. In Congo a fianco di Patrick Lumumba sostenne il processo di decolonizzazione dal Belgio. Il Che avrebbe potuto vivere nella Cuba della Rivoluzione onorato e riverito, fu invece un rivoluzionario attento ed impegnato sui bisogni sociali e sulle esigenze di libertà ed uguaglianza dei popoli del mondo e dei nuovi stati che si stavano formando nel processo di decolonizzazione degli anni 60 dello scorso secolo.

La sua azione politica “ribelle” nell’era della spartizione del mondo in blocchi, fu osteggiata dall’imperialismo statunitense ed “inviso” al socialismo dell’allora Unione Sovietica, alle multinazionali ed ai cosiddetti potenti della Terra.

A distanza di 50 anni dalla morte del Che, ancora oggi, nell’era della globalizzazione il suo pensiero di libertà ed anticoloniale continua a vivere nelle lotte di liberazione degli oppressi e nel desiderio di giustizia dei popoli di tutto il mondo. Il Che, che seppe garantire al popolo cubano un’eccellente Sanità pubblica, oggi sarebbe a fianco delle lotte dei sardi per salvare i propri ospedali pubblici. 

Claudia Zuncheddu SardignaLibera

Casteddu online: “Che Guevara avrebbe sostenuto le lotte dei sardi per la sanità pubblica”

GeosNews: “Che Guevara avrebbe sostenuto le lotte dei sardi per la sanità pubblica”

CagliariPad: Oggi il dottor Che Guevara, avrebbe sostenuto le lotte dei sardi per la Sanità pubblica

 

 

 

 

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    Mettete molta Attenzione!At... 9 days ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    PARIS ! SARDIGNA ! PARIS!!!... 9 days ago
  • Ettore Gasperini De ... ha scritto Leggi tutto
    QUANTO SOTTO ESPRESSO PRIMA... 9 days ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissime frasi ,sono d'ac... 1 month ago
  • Chiara Serra di S.M... ha scritto Leggi tutto
    Bellissimo ,sono d'accordo 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: