ClaudiaZuncheddu.net

Appello alla mobilitazione dei sardi per il 06 luglio ore 9:30 Piazza del Carmine a Cagliari

 

14264876 10207964261289077 5528003651767458612 n

La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblicadi fronte alle imminenti e preoccupanti decisioni del Consiglio Regionale in materia di Riordino della rete ospedaliera sarda, in occasione della manifestazione del 6 luglio, organizzata da sindacati italiani, ritiene indispensabile che uno spazio di lotta autonomo e indipendente, venga occupato dai nostri comitati, dal Sindacato sardo, dal mondo indipendentista, identitario, sardista e da quell’ampia realtà di ribellione nei confronti dei partiti al governo della Sardegna, responsabili del disastro nella Sanità pubblica.

Le scelte politiche in corso in Consiglio Regionale prevedono che i nostri ospedali vengano svuotati delle loro funzioni e dei servizi, per favorire la privatizzazione come unica soluzione.

La privatizzazione attraverso le lobby delle Assicurazioni annienterà la solidarietà dell’universalismo della Riforma Sanitaria Pubblica (Legge 388 del 1978) tra le più grandi conquiste di diritti e di civiltà del 900.

L’assistenza non sarà più uguale per tutti.

Il diritto alla Salute sarà un privilegio di censo e di possibilità economica.

Al Bilancio Sanitario Pubblico, con l’alibi di non farcela, va affiancandosi un Bilancio Privato rappresentato e gestito dalle Assicurazioni.

I pacchetti assicurativi sanitari, che già iniziano a proporre i colossi delle Assicurazioni, a partire dalla Emilia Romagna con la UniSalute, organizzato ad hoc dal colosso Unipol, sono la “modernizzazione” che negli USA ha creato grandi disuguaglianze e il non accesso al diritto alla salute per tutti.

La ministra della Salute Lorenzin dopo le sue recenti interlocuzioni con i referenti statunitensi, in previsione del semestre europeo a guida italiana, ha annunciato riforme in materia sanitaria che seguiranno il famigerato modello americano. Parla di crescita di Pil e di investimenti come se la salute fosse merce da introdurre nei mercati finanziari.

Noi sardi non ce la faremo.

Noi non possiamo perdere questa battaglia prioritaria per la nostra sopravvivenza.

OCCUPIAMO TUTTI GLI SPAZI DI LOTTA POSSIBILI

Per far sentire con forza la nostra voce anche

CONTRO il disagio dei lavoratori della Sanità

CONTRO il blocco dei contratti

CONTRO il blocco del turn over che vede la forte riduzione numerica e lo svilimento della professionalità e competenza del personale sanitario medico e paramedico nella Sanità pubblica

CONTRO l’ingresso del precariato più controllabile e più ricattabile dalle lobby della Sanità e dai loro sponsor politici.

Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica

Iglesias: Assemblea Rete Sarda Sanità Pubblica

locandina

 

Claudia Zuncheddu: Assemblea Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica Gratuita

 

Presentazione del romanzo di Daniela Piras LEO

Leo

 

Claudia Zuncheddu e Daniela Piras: presentazione del romanzo LEO

Lettera alla Ministra Lorenzin. Il perché la Sardegna non è l'Italia neppure per la Sanità

rete sarda sanità

Alla Ministra della Salute della Repubblica italiana

On.le Beatrice Lorenzin

 

Gentile Ministra

le Sue politiche in materia sanitaria stanno creando un grande subbuglio in Sardegna. Le lotte in tutti i territori per la difesa degli ospedali e del sistema sanitario pubblico e la rinuncia al proprio mandato da parte del sindaco di La Maddalena dovrebbero indurla a riflettere, se non altro, di fronte ad un sintomo di cedimento dell’apparato dello Stato.

La Sua dichiarazione, a proposito della sospensione dell’attività del Punto Nascita dell’ospedale Merlo di La Maddalena, secondo cui per lei sarebbe “…un punto nascita insicuro, per i bassi volumi di attività… con 67 parti nel 2015 e 35 da gennaio a settembre 2016" sconcerta noi sardi. Il valore universale della vita e la sua tutela non è affrontabile in termini di contabilità. Ancor meno ciò è possibile in Sardegna per le sue peculiarità, come ad esempio i lunghi tempi di percorrenza delle distanze per le tipicità orografiche, per i problemi delle infrastrutture, dei trasporti via terra e via mare e per le caratteristiche demografiche.

Ministra, proprio così, la Sardegna non è l’Italia per tante ragioni, comprese quelle demografiche.

Lo sviluppo demografico nella nostra Isola è passato da 3,8 figli per donna nel 1952 a 1,1 nel 2015, con un tasso di natalità sotto il 7 per mille ed un indice di mortalità che supera il 9 per mille.

Quando i decessi superano le nascite, come avviene in 304 comuni sardi su 377, l’indice di spopolamento è così drammatico da richiedere ad una classe politica responsabile, un approfondimento urgente sulle cause e interventi adeguati per arginare il rischio che il popolo sardo si estingua.

La soppressione dei servizi in nome di strane razionalizzazioni e la chiusura di importanti ospedali nei nostri territori disagiati, prevista dal piano di riordino della rete ospedaliera sarda, agevolano lo spopolamento privando le nostre collettività di ogni prospettiva per il futuro.

Ministra, le complesse ragioni dello spopolamento in Sardegna necessitano di essere capite se si vuole davvero fronteggiare questa piaga. Noi pensiamo che manchi la volontà politica e le misure di restrizione dei servizi sanitari pubblici, da voi imposti parlano chiaro.

Ministra, con la chiusura del Punto nascita dell’ospedale Merlo quale sicurezza pensa di poter garantire sottoponendo le gestanti ed i loro nascituri ad urgenti e pericolosi viaggi in condizioni sia infrastrutturali sia meteorologiche spesso incompatibili con un sereno travaglio? Si rende conto che La Maddalena è un’isola collegata all’isola maggiore da un sistema di traghetti che viaggiano solo durante le ore diurne e quando le condizioni del tempo lo consentono? Ha consapevolezza che dopo il trasporto via mare vi è almeno un’ora di strada da affrontare prima di arrivare al più vicino ospedale? Trova davvero più sicuro un parto effettuato in tali situazioni rispetto ad uno effettuato in un Punto Nascita con personale dedicato, anche se non raggiunge i volumi di 500 parti/anno?

Pensa davvero che possiamo credere ai mirabolanti interventi per cielo e per mare promessi da chi governa la Sardegna, addirittura con sbarchi di equipe specializzate, di cui non si trova traccia nella bozza di riforma della rete ospedaliera?

E lei parla di sicurezza basandosi esclusivamente sui volumi di attività?

Ministra, i numeri in Sanità, sono molto importanti non nel loro valore assoluto, astratto, ma solo se calati nella realtà del territorio interessato e confrontati con i bisogni reali delle persone, bisogni che variano da popolazione a popolazione, da area geografica ad area geografica. I numeri parlano e ci aiutano nella programmazione politica solo quando valutati nella loro globalità e solo quando mettono davvero la tutela della salute del cittadino al centro di scelte che non possono prescindere dalla storia e dalla specificità dei luoghi e delle comunità.

Lei ritiene che fino ad oggi le donne in Sardegna abbiano partorito negli ospedali nella più totale insicurezza solo perché i nostri numeri non sono gli stessi della Lombardia? Forse che negli ospedali sardi abbiamo un tasso di mortalità perinatale più elevato? Forse che abbiamo un tasso di morte da parto più alto rispetto ad altre Regioni d’Italia? Forse che il Punto Nascita del Paolo Merlo è un emblema di pericolosità ed inappropriatezza, per usare un termine caro al suo Decreto?

Senza questi altri numeri, a completamento di quei pochi da lei dati, le sue considerazioni circa l’oggettiva insicurezza del Punto Nascita del Paolo Merlo appaiono prive di fondamento, un modo maldestro per giustificare la scelta scellerata di sospendere un servizio indispensabile per le donne di La Maddalena.

Piuttosto che utilizzare freddamente i numeri per chiudere gli ospedali decentrati ma di vitale importanza per le nostre piccole e medie comunità, avrebbe dovuto pensare ad una organizzazione che impedisca l’isolamento di questi ospedali favorendo la circolazione di competenze e professionalità fra ospedali piccoli e grandi.

Tutto ciò presuppone investimenti in tecnologia, in risorse umane, investimenti strutturali e non tagli e finte razionalizzazioni. Se a lei sta davvero a cuore la salute e la sicurezza dei cittadini, nel rispetto del dettato costituzionale nonché del nostro Statuto Speciale di Autonomia, questa è l’unica strada perseguibile.

Come medici sardi, Le facciamo pervenire le nostre considerazioni, con lo spirito di arricchire le sue conoscenze e quindi le sue competenze.

Il problema di La Maddalena, è lo stesso di tutti i punti nascita che volete sopprimere in Sardegna e degli ospedali dei nostri territoria rischio di declassamento e di chiusura. La Rete Sarda Sanità Pubblica, che non intende subire passivamente l’ennesima discriminazione contro le nostre comunità, auspica di incontrarLa per un confronto leale e chiarificatore sul diritto inalienabile alla Salute anche per i sardi.

Dottoressa Claudia Zuncheddu

Dottoressa Paola Correddu

(Rete Sarda Sanità Pubblica)

 

CagliariPad: Sanità, Zuncheddu (Sardigna Libera): "In Sardegna crollo del sistema sanitario, Ministra agisca"

GuardiaVecchia.net: http://www.guardiavecchia.net/2017/06/29/sanita-rete-sarda-scrive-a-lorenzin/

GeosNews: Sanità, Rete sarda scrive a Lorenzin: "Servizio si sgretola"

Donne Viola: Chiude il punto nascita di La Maddalena. Lettera alla Ministra Lorenzin della Rete Sarda Sanità Pubblica

il punto sociale: SANITÀ SARDEGNA. RETE SARDA DIFESA SANITÀ PUBBLICA SCRIVE ALLA MINISTRA DELLA SALUTE LORENZIN

Il Manifesto Sardo: La distruzione della sanità in Sardegna

liberacittadinanza: Alla Ministra della Salute della Repubblica italiana On.le Beatrice LorenzinlLettera aperta

La nuova Sardegna Sassari: Quattro giorni di fuoco alla Regione: si decide il futuro degli ospedali sardi

 

Newsletter

Ricevi le ultime news direttamente sulla tua casella di posta elettronica. Iscriviti alla newsletter:
Firma la petizione!
Firma la petizione!

Attività

loader

Ultimi Commenti

  • alberto. al lupo al ... ha scritto Leggi tutto
    Il terrorismo non deve mai ... 22 days ago
  • Maria ha scritto Leggi tutto
    Condivido il pensiero della... 22 days ago
  • alberto ha scritto Leggi tutto
    sulla farsa degli emendamen... 1 month ago
  • Giuseppino Granara ha scritto Leggi tutto
    Questi consiglieri Regional... 1 month ago
  • marina ha scritto Leggi tutto
    e bisognerebbe fare qualcos... 1 month ago

Archivio News

Dai il tuo contributo Azalai on-line (indicare il decimale con il punto)

Importo devoluto: